realizzazione giardini brescia

Whatsapp Facebook Twitter Pinterest Linked In
030 25 23 654 | info@vivailoda.it

progettazione giardini brescia progettazione giardini brescia

Piante del benessere: liberati da ansia e stress con il biancospino!
Soffri di ansia e stress? Manchi di concentrazione? Prova con il biancospino. Scopri come coltivarlo nel tuo giardino e sfruttarne le proprietà benefiche.
Eccoci qui con un nuovo appuntamento con la rubrica dedicata alle piante del benessere. Oggi parliamo del biancospino, un arbusto che trova largo impiego nei giardini e che ha interessanti proprietà benefiche da sfruttare per il tuo benessere.

Conosciamolo meglio.

Appartenente alla famiglia delle Rosacee, il biancospino è un arbusto che cresce come un cespuglio. Il suo nome scientifico è Crataegus Monogyna e, come le rose, ha rami fitti e pieni di spine. Il biancospino comune raggiunge un altezza compresa tra i 50 centimetri e i 6 metri, quindi verifica se hai spazio sufficiente in giardino per piantarne più di uno, ad esempio. Esistono anche delle varietà da poter coltivare in vaso, che raggiungono altezze più controllabili.
Le sue foglie non sono molto grandi, si parla di 2 o 4 centimetri. Hanno forma di rombo e un’incisione profonda che le attraversa per il lungo, fino al picciolo. I lobi hanno apice dentellato.

La corteccia del biancospino è ben compatta e grigia e il suo legno è molto duro, tanto che lo stesso nome deriva dal greco “kràtaigos”, che significa, appunto, forza e robustezza. I fiori, che hanno sfumature dal bianco al rosa chiaro, sono piccoli e raggruppati in corimbi da circa 5-25 fiori ciascuno, e fioriscono tra aprile e maggio. Il biancospino produce frutti rossi commestibili, piccole bacche di forma ovale il cui nocciolo contiene il seme. I frutti maturano tra novembre e dicembre, pronti per le decorazioni natalizie.
Il biancospino è una pianta comune nella macchia mediterranea. Per lo più lo si trova alle pendici dei boschi e nelle macchie.
Coltivato viene usato sia come elemento decorativo o ornamentale, sia per rinfoltire le siepi, essendo un ottima barriera.

Coltivare il biancospino.

Coltivare il biancospino non è per niente complicato, basta seguire alcuni piccoli accorgimenti.
Il biancospino, infatti, ama il sole. Scegli, quindi, una posizione soleggiata nel tuo giardino (o sul balcone, se lo coltivi in vaso).

Cosa ti serve per piantarlo? Procurati del concime, foglie secche e acqua.
Verifica che il terreno sia calcareo, visto che non ama per nulla il terreno acido.
In estate, soprattutto se c’è molto caldo e piove poco, necessita di essere annaffiato. Va concimato con regolarità in primavera e in autunno, meglio se con dello stallatico. In alternativa puoi optare per un concime granulare a lenta cessione. La primavera è anche la stagione della verifica delle eventuali malattie, come la cocciniglia.
Il biancospino non necessita di grandi potature, se non di pulizia, utili per togliere i rami danneggiati, secchi o rovinati, oppure per sistemare la forma della pianta stessa.

Proprietà benefiche del biancospino e usi per il benessere.

Bene, siamo arrivati al vivo del nostro articolo. Ora ti spiegherò come utilizzare questa pianta per il tuo benessere.
Il biancospino contiene molti componenti benefici per il nostro organismo, tra cui amine, acidi fenolcarbossilici e flavonoidi.
Per questo viene utilizzato per trattare lievi problematiche cardiache, come le aritmie, le palpitazioni, l’ipertensione in forma leggera, proprio per il suo potere antispasmico, sedativo e calmante.

Come puoi sfruttare le proprietà benefiche del biancospino a casa tua?

La tisana o l’infuso di biancospino sono ottimi rimedi per calmare gli stati di ansia e stress, come il senso di inquietudine o oppressione, fino alla ritenzione idrica e la difficoltà a concentrarsi. Il modo migliore per sfruttarne le proprietà è quello di utilizzare i fiori secchi. Fai scaldare mezzo litro di acqua bollente e immergi i fiori in infusione. Lascia riposare l’infuso per circa un quarto d’ora. Poi filtra il tutto e goditi in tranquillità una tazza della calda bevanda.

Bene, ora che ti ho illustrato tutto quanto ti serve per poter coltivare e sfruttare il biancospino come rimedio naturale per il tuo benessere, non mi resta che augurarti buon relax.

Al prossimo consiglio.
Fausto

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo sui social network  Facebook e Twitter.